La Nazionale guidata da Marcello Lippi è ancora lontanissima dal diventare una potenza nel continente asiatico e si appresta ad affrontare l’Asian Cup del prossimo gennaio da outsider, con la prospettiva di arrivare al Massimo – salvo sorprese – ai quarti di finale.

Molte speranze sono riposte sulla nazionale femminile. Le Steel Roses storicamente sono state le più forti nel continente asiatico, anche se il loro trono in tempi recenti è stato conquistato dal Giappone. Il calcio femminile cinese, nonostante la flessione degli ultimi anni, può guardare al futuro con un certo ottimismo, grazie alla stella Wang Shuang, conosciuta anche come Lady Messi, recentemente acquistata dal Paris Saint Germain dove si sta comportando molto bene.

Lo scorso 17 ottobre Wang Shuang è stata la prima calciatrice cinese a segnare un gol nella Uefa Champions League femminile, nel 2-0 che il PSG ha rifilato alle svedesi del Linkping FC. Nata nel 1995 nella provincia dell’Hubei, ad oggi Wang Shuang è il maggior talento del calcio cinese: centrocampista offensivo, dotata di un controllo palla eccellente e di una rapida visione di gioco, a soli 23 anni ha già totalizzato 86 presenze con la nazionale cinese, con la quale in tempi recenti ha conquistato il bronzo all’Asian Cup disputata in Giordania e l’argento agli Asian Games di Indonesia (in entrambe le occasioni la Cina è stata eliminata dal Giappone).

Nel 2013 Wang Shuang è stata eletta calciatrice dell’anno in Corea quando militava nel Daejeon Sportstoto. La sua consacrazione arriva nelle stagioni 2016 e 2017, quando vince per due anni consecutivi il campionato cinese con il Dalian Quanjian. Quest’anno Wang aveva iniziato la stagione con il neopromosso Wuhan Ladies, per poi firmare con il Paris Saint Germain un contratto di due anni la scorsa estate.

L’impatto di Wang Shuang nel calcio francese (uno dei più competitivi in Europa) è stato assolutamente brillante: nella partita d’esordio, vinta per 5-0, la cinese ha segnato la seconda rete della gara con un tiro a giro da fuori area e si è anche procurata un calcio di rigore. Con la rete segnata in Champions Wang Shuang è già a quota tre centri in questa sua nuova esperienza al PSG e data la sua giovane età, il meglio deve ancora venire.

Se le calciatrici cinesi possono pensare di avere successo anche in Europa (Wang Fei da quest’anno è il portiere del Bayern Monaco), i giovani prospetti maschili nel vecchio continente servono solo per operazioni di marketing: nel 2016 Zhang Xizhe era stato acquistato dal Wolfsburg, dopo sei mesi e zero presenze è stato rispedito al Beijing Guoan. Sempre dai pechinesi, nel 2017 Zhang Chengdong (oggi all’Hebei Fortune), era stato prelevato dal Rayo Vallecano per ragioni di sponsor; una sola presenza prima di tornare in Cina.

Il caso più eclatante riguarda quello di Yuning Zhang, classe 1997, scuola Vitesse, aveva esordito in nazionale cinese con una doppietta contro Trinidad & Tobago prima di eclissarsi. Lo scorso anno Yuning è passato al Werder Brema, dove in un anno non ha mai visto al campo. Attualmente l’attaccante cinese milita in Olanda, all’Ado Den Haag (compagine di proprietà della pechinese Vansen Sports international), ma anche in questo caso, il numero dei minuti giocati equivale a zero.

Se la Cina di Marcello Lippi ha mancato la qualificazione a Russia 2018, le Steel Roses si giocheranno il titolo mondiale il prossimo anno in Francia dove cercheranno di tornare ai vertici mondiali. Il calcio femminile cinese infatti, non solo ha dominato in ambito continentale negli anni ’90 e primi ‘2000, ma ha sfiorato anche il titolo di campione del Mondo, perdendo la finale ad Atlanta contro gli USA ai calci di rigore. Al tempo la leggendaria Sun Wen (152 presenze e 106 gol in nazionale) era il simbolo della Cina calcistica. Oggi Wang Shuang si prepara a raccoglierne l’eredità.

di Calcio8Cina

* Calcio8Cina nasce dalla fusione di due progetti distinti che hanno dato vita al primo portale italiano (in termini di qualità, portata e rilevanza) dedicato interamente al calcio cinese: principali competizioni nazionali cinesi, Champions League d’Asia, interviste, approfondimenti e report sullo sviluppo calcistico della Cina. In poche parole tutto ciò che c’è da sapere sul calcio made in China e sui suoi rapporti con il resto del mondo. Lo scopo è quello di prendere lo sport più seguito al mondo come chiave per addentrarci nello specifico della realtà cinese.