A pochi giorni dalle elezioni presidenziali e legislative di Taiwan. Elezioni che verranno osservate con attenzione anche da Pechino, che considera Taiwan o Repubblica di Cina (oggi riconosciuta da 15 nazioni a livello globale) una provincia ribelle che fa parte del suo territorio. Dopo una panoramica introduttiva sul voto, Affaritaliani.it propone delle interviste ad alcuni esponenti politici. Dopo il Democratic Progressive Party (DPP) e il più piccolo Green Party. è stato il turno del Kuomintang con I-Ding Wucandidata legislativa, che ritiene che un rapporto armonioso con la Repubblica Popolare Cinese sia la migliore politica per Taiwan”. Tocca ora al ministro degli Esteri Jaushieh Joseph Wu, che ha risposto ad Affaritaliani.it in forma scritta.

Siamo ormai al termine del mandato di Tsai Ing-wen. Come sono stati questi anni in cui ha fatto parte della sua amministrazione?

In questi anni le autorità di Pechino hanno indotto alcuni degli alleati diplomatici di Taiwan a cambiare la loro fedeltà diplomatica e hanno continuato a intimidire Taiwan sulla scena internazionale, nel tentativo di declassare il nostro status e bloccare la nostra partecipazione a organizzazioni e meccanismi internazionali. Inoltre, hanno intensificato i loro tentativi di intimidazione politica provando a interferire o influenzare la politica di Taiwan attraverso la disinformazione. Si potrebbe dire che Taiwan si trova oggi ad affrontare sfide esterne senza precedenti. Nonostante questo, negli ultimi tre o più anni Taiwan ha guadagnato un maggiore sostegno internazionale. Le nostre relazioni con paesi affini, come gli Stati Uniti, il Giappone e le nazioni europee, sono nettamente migliorate e i nostri legami con l’Europa hanno visto un chiaro progresso. A giugno sono stato invitato in Danimarca per partecipare al vertice sulla democrazia di Copenaghen, dove ho tenuto un discorso. Abbiamo anche avviato le consultazioni sui diritti umani tra Taiwan e l’Unione europea. Inoltre, da settembre, l’Italia ha concesso ai nostri cittadini un’accelerazione per lo sdoganamento nei suoi aeroporti internazionali, diritto che hanno solo i cittadini di altri 7 paesi extra Ue oltre ai taiwanesi. Questa è una prova sostanziale dei progressi. In futuro, Taiwan continuerà a impegnarsi per rafforzare le relazioni con le altre nazioni.

Negli ultimi anni, però, Taiwan ha perso numerosi alleati diplomatici. I casi più recenti sono le Isole Salomone e Kiribati. In che modo manterrete i legami con i rimanenti?

Negli ultimi anni, la Cina ha profuso denaro in tutto il mondo. Innegabilmente, questo ha portato alcuni dei nostri alleati politici a nutrire speranze irrealistiche di un sostegno economico cinese. La Cina ha anche fatto vuote promesse per invogliare i nostri alleati a stabilire relazioni diplomatiche con lei. Mentre la Cina raramente adempie ai propri impegni, Taiwan ha numerosi progetti di cooperazione con i suoi alleati in settori come l’agricoltura, l’assistenza sanitaria, la formazione tecnica e professionale e la tecnologia dell’informazione, tutti volti a guidare lo sviluppo nazionale complessivo dei nostri alleati e a beneficio sostanziale della loro popolazione. A differenza della Cina, Taiwan non intrappola gli alleati con il debito, ma piuttosto collabora con loro a progetti che soddisfano le loro reali esigenze. Taiwan continuerà a rispettare lo spirito di ferma diplomazia e assistenza a beneficio reciproco per rafforzare la cooperazione con i nostri alleati a tutti i livelli. Aumenteremo anche la collaborazione con partner affini per aiutare i nostri alleati e garantire una situazione vantaggiosa per tutti.

Papa Francesco ha una posizione favorevole nei confronti della Cina. Pensa che le relazioni diplomatiche di Taiwan con la Santa Sede siano a rischio?

La Santa Sede intrattiene un dialogo con la Cina al fine di proteggere la libertà di religione dei cattolici e di assicurare la prosecuzione del suo lavoro pastorale ed evangelico nel paese. I commenti di Papa Francesco sulla Cina sottolineano le preoccupazioni della Santa Sede riguardo ai cattolici cinesi. Insieme alle recenti proteste di Hong Kong contro il disegno di legge sul’estradizione che hanno attirato l’attenzione di tutto il mondo, c’è anche preoccupazione internazionale sull’attuale stato di libertà religiosa nel paese. Il Ministero degli Affari Esteri spera che gli scambi tra la Santa Sede e la Cina offrano speranza ai membri delle chiese sotterranee, offrano ai cattolici il diritto di praticare la loro fede e incoraggino la Cina a consentire gradualmente la libertà religiosa. Le relazioni diplomatiche di Taiwan con la Santa Sede procedono costantemente. Il 23 novembre di quest’anno, quando Papa Francesco stava volando attraverso la regione di informazioni di volo di Taipei mentre si recava in Giappone per una visita pastorale, ha inviato i saluti al presidente Tsai e al popolo di Taiwan. Il presidente Tsai ha restituito i saluti. Inoltre, Taiwan e la Santa Sede stanno collaborando per rispondere alle preoccupazioni sollevate nell’enciclica Laudato Si’ di Papa Francesco, in particolare per quanto riguarda le questioni internazionali come i cambiamenti climatici, la tratta di esseri umani, i lavoratori migranti, i rifugiati e la salute pubblica. Anche le chiese di Taiwan e le organizzazioni correlate partecipano attivamente a questa nuova fase della collaborazione Taiwan-Santa Sede, rafforzando ulteriormente i nostri legami bilaterali.

Su quali basi o principi dovrebbero essere stabilite le relazioni sullo Stretto?

Per quanto riguarda le relazioni sullo Stretto, non è una questione di bene o di male, ma una questione di interessi nazionali. Taiwan è stata estremamente cauta e attenta, non essendo né provocatoria né avventata, quando ha affrontato le questioni dello Stretto negli ultimi anni. Ma la Cina ha costantemente aumentato le pressioni su Taiwan. Numerosi paesi democratici in tutto il mondo credono che la Cina stia sconvolgendo lo status quo. Taiwan resiste fermamente, proteggendosi dall’aggressiva espansione cinese. Il governo di Taiwan desidera mantenere interazioni amichevoli e normali scambi con la Cina. Come membro responsabile della comunità internazionale, Taiwan continuerà ad adottare un approccio pragmatico e riservato nei suoi sforzi per garantire la pace e la stabilità attraverso lo Stretto.

Ritiene che in futuro ci sia la possibilità di un’azione militare da parte di Pechino? E se sì, sotto quali circostanze questa si potrebbe verificare?

Nel gennaio di quest’anno, Xi Jinping ha detto che la Cina non aveva promesso di rinunciare all’uso della forza contro Taiwan e che si riservava il diritto di usare tutti i mezzi necessari. Da quando il presidente Tsai ha assunto l’incarico, la Cina ha spesso inviato aerei e navi militari intorno a Taiwan. Quindi, il 17 novembre, il giorno in cui il presidente Tsai ha annunciato che l’ex premier Lai Ching-te sarebbe stato suo partner nella corsa alle elezioni presidenziali del 2020, la Cina ha inviato la sua prima portaerei di costruzione nazionale attraverso lo stretto di Taiwan. Si è trattato evidentemente di un tentativo di intimidire il popolo di Taiwan e interferire nel processo elettorale. Si tratta di risposte tipiche dei paesi autoritari. Durante i periodi di declino economico, aumenta la pressione interna sul governo, inducendo le persone a mettere in discussione la legittimità del governo del Partito Comunista Cinese (CPC). Questa tensione può portare a una strategia di soppressione e azione esterna volta a distogliere l’attenzione del pubblico dai problemi interni. Taiwan è la prima linea di difesa contro l’invasione cinese. Continueremo a monitorare attentamente gli sviluppi politici ed economici nel paese in modo che Taiwan non diventi una scusa o un capro espiatorio per la Cina.

Ritiene che se il KMT vincesse le elezioni possa esistere la possibilità di riunificazione con la Repubblica Popolare Cinese?

All’inizio di quest’anno, Xi Jinping ha proposto il modello “un paese, due sistemi” per Taiwan, ma il rifiuto di questo modello gode di un consenso indiscusso tra il popolo di Taiwan. Insieme, il governo e il popolo di Taiwan continueranno a sostenere fermamente la libertà, la democrazia, i diritti umani e lo stato di diritto. Pertanto, indipendentemente da chi vincerà la presidenza nel gennaio 2020, il futuro di Taiwan sarà deciso attraverso un processo democratico dai suoi 23 milioni di cittadini. E’ questa la vera essenza della democrazia.

Qual è la sua posizione su quanto sta accadendo a Hong Kong e perché ritiene che Taiwan debba rifiutare il modello “un paese, due sistemi”?

Taiwan sostiene la ricerca della libertà democratica da parte dei cittadini di Hong Kong e invita il governo localead ascoltare la voce della sua gente. Per risolvere i problemi a Hong Kong, sarà necessario dare alla gente vera libertà e suffragio universale. Le proteste di Hong Kong dimostrano l’impossibilità della coesistenza di democrazia e autocrazia. Sotto il sistema autoritario cinese, non esiste qualcosa come “un paese, due sistemi”. Piuttosto, esiste semplicemente “un paese, un sistema”, in cui le persone hanno perso la libertà di parola, libertà di stampa, libertà di riunione e libertà di partecipazione politica. Ciò rende ancora più importante il nostro attuale sistema democratico e il nostro stile di vita. Pertanto, Taiwan non accetterà mai il modello “un paese, due sistemi”.

In questi anni Taiwan ha lanciato la New Southbound Policy. Quali obiettivi e ha e quali risultati sono stati raggiunti?

La New Southbound Policy mira a rafforzare lo sviluppo economico di Taiwan e dei paesi partner. Attraverso una più forte cooperazione economica, scambi di personale, condivisione delle risorse e collegamenti regionali, stiamo approfondendo i nostri legami con questi partner. Le cifre indicano che nel 2018 il commercio tra Taiwan e i paesi partner della New Southbound Policy ha raggiunto 117 miliardi di dollari, segnando una crescita annuale del 5,69 per cento. Per quanto riguarda gli scambi accademici, nel 2018 un totale di 51.970 studenti dei paesi partner della New Southbound Policy hanno partecipato a programmi di studio o di ricerca a Taiwan, con un aumento annuale del 25,6%. Per quanto riguarda il turismo, nel 2018 sono stati effettuati oltre cinque milioni di viaggi tra Taiwan e i paesi partner della New Southbound Policy, un record. Nei tre anni trascorsi dall’attuazione della New Southbound Policy abbiamo ottenuto risultati evidenti in tutti i settori. Gli Stati Uniti, il Giappone e i paesi partner hanno inoltre mostrato una maggiore disponibilità a collaborare con Taiwan. In futuro, il governo si baserà su questi risultati e continuerà a promuovere la nuova politica in direzione sud. Taiwan si impegnerà inoltre per un’ulteriore collaborazione con gli Stati Uniti e il Giappone nel sud-est asiatico. Con gli sforzi uniti del governo e del settore privato, raggiungeremo un successo sempre maggiore.

Paesi come Stati Uniti e Giappone, però, non hanno relazioni diplomatiche ufficiali con Taiwan. Quale importanza rivestono i legami in questo caso?

Taiwan impegna la maggior parte delle nazioni del mondo in stretti scambi cooperativi in ​​settori quali commercio, cultura, tecnologia, medicina, istruzione e turismo. Ciò si estende alle nazioni con le quali non intratteniamo relazioni diplomatiche, in particolare con partner affini come gli Stati Uniti, il Giappone e i paesi europei. Con queste nazioni condividiamo valori come la democrazia e i diritti umani e stiamo collaborando da vicino su questioni chiave che riguardano la sicurezza globale e regionale, il commercio, la sostenibilità ambientale e la medicina. Taiwan proseguirà gli sforzi per ampliare gli scambi sostanziali con le nazioni europee e altri paesi con i quali non intratteniamo legami diplomatici. Insieme, raggiungeremo una situazione vantaggiosa per tutti e, in linea con i principi di pragmatismo, professionalità e costruttività, parteciperemo e contribuiremo alla comunità internazionale.

Crede che le relazioni tra Taiwan e Stati Uniti possano cambiare a seconda dell’esito delle elezioni che coinvolgono entrambi nel 2020 oppure rimarranno le stesse a prescindere?

Le relazioni di Taiwan con gli Stati Uniti sono sempre state strette. Ci sono molti buoni amici di Taiwan nel ramo esecutivo degli Stati Uniti, nel Congresso degli Stati Uniti e persino nel settore privato, che aiutano a rafforzare il partenariato Taiwan-USA in tutti gli aspetti. L’amministrazione Trump ha ribadito in numerose occasioni il suo impegno a rispettare il Taiwan Relations Act e le Six Assurances e ha annunciato cinque vendite di armi a Taiwan. Il partenariato economico-commerciale Taiwan-USA continua ad approfondirsi. Nel settembre di quest’anno, una delegazione di Taiwan ha acquistato 3,7 miliardi di dollari di prodotti agricoli statunitensi di alta qualità. Inoltre, Taiwan e gli Stati Uniti stanno collaborando su una varietà di questioni e stanno partecipando a scambi nell’ambito del quadro di cooperazione e formazione globale, a cui partecipano attivamente anche Giappone, Svezia e Australia. Tutto ciò dimostra chiaramente che gli Stati Uniti sono il partner più importante di Taiwan sulla scena internazionale. Attualmente, le relazioni Taiwan-USA sono probabilmente le migliori che ci siano mai state. Gli Stati Uniti e Taiwan condividono valori come la democrazia, la libertà e la fiducia nel mercato libero. Queste sono le basi della nostra fiorente collaborazione. Gli Stati Uniti hanno ripetutamente elogiato Taiwan per essere un partner affidabile, una storia di successo democratico e una forza positiva a livello globale. Taiwan continuerà a perseguire una stretta cooperazione con gli Stati Uniti e si adopererà per migliorare ulteriormente le relazioni.

Però, c’è chi sottolinea che gli Stati Uniti di Trump abbiano adottato una linea protezionista, in contrapposizione all’impulso commerciale in arrivo dalla Cina. Anzi, in Europa c’è chi ritiene che ci si possa ritrovare costretti a scegliere tra gli Stati Uniti, sempre più protezionisti ma partner storicamente importanti soprattutto dal punto di vista militare, e la Cina, con la quale invece si può intrattenere una cooperazione pragmatica dal punto di vista commerciale. Condivide questa visione? Pensa che, come dice qualcuno, si possa andare verso una nuova guerra fredda?

Non interpreterei la guerra commerciale Usa-Cina dal punto di vista di una guerra fredda. L’attuale controversia deriva da uno scontro di valori e principi, come gli standard per i diritti di proprietà intellettuale e i trasferimenti di tecnologia. Taiwan seguirà da vicino le tendenze e gli sviluppi correlati a questa situazione e lavorerà per rafforzare le relazioni e la collaborazione con i partner affini.

Di Lorenzo Lamperti

[Pubblicato su Affari Italiani]