Nel corso del 2020 i K-drama, vale a dire le serie televisive coreane, hanno acquisito ancora maggiore notorietà. Come traspare dal nome (drama) meglio non sperare troppo nel lieto fine, queste serie sono infatti spesso strappa lacrime e struggenti, tuttavia una loro particolarità è la vastità di genere che va dal romantico allo storico, dal poliziesco fino (alle volte) al comico.

Negli ultimi anni queste opere hanno iniziato a conquistare un pubblico internazionale sempre più ampio e in questo 2020 segnato da virus e quarantene hanno avuto modo di esplodere ulteriormente. Concludiamo l’anno con una lista dei 10 drama che hanno governato questo 2020 e che ci hanno tenuto compagnia durante le giornate trascorse in casa a causa della pandemia da Covid-19.

ITAEWON CLASS

Ispirato all’omonimo webtoon, pressoché impossibile non averne sentito parlare, è stato uno dei protagonisti assoluti di quest’anno. Racconta di come la vita di Park Sae Ro Yi venga stravolta dalla morte del padre e dall’espulsione da scuola per aver preso a pugni un bullo, nonché rampollo della famiglia Jang. Scontata la pena in carcere per aver aggredito il suo compagno, decide di seguire le orme del padre e di aprire un bar-ristorante a Itaewon, il DanBam. Insieme al suo manager e allo staff, cerca di raggiungere il successo lavorando in modo onesto e corretto.

Questo drama ci regala elementi tipici delle serie sud coreane ma anche tematiche “scomode” affrontate tramite personaggi transgender e di colore. Tra gli attori protagonisti troviamo Park Seo Joon, noto per aver recitato in serie come Kill Me Heal Me, What’s wrong with secretary Kim e Hwarang. Va ricordato che anche le canzoni della colonna sonora sono state ampiamente apprezzate dal pubblico. Tra queste “Sweet Night” è stata scritta da V dei Bts, grande amico di Seo Joon.

Itaewon class è andato in onda dal 31 gennaio al 21 marzo 2020 ed è attualmente disponibile su Netflix.

 

CRASH LANDING ON YOU

Altro drama famosissimo di quest’anno.

Quì troviamo Yoon Se Ri, una ricca ereditiera che, mentre promuove la sua linea di abiti sportivi facendo parapendio, oltrepassa il confine con la Corea del Nord a causa di un tifone. Viene ritrovata dal giovane ufficiale Ri Jeong Hyuk, che per tutelare sé stesso e i suoi sottoposti decide di aiutarla e proteggerla. I due si affezionano ma il loro rapporto è segnato da una costante tensione tra i loro paesi.

La rappresentazione della Corea del Nord nella serie ha ricevuto apprezzamenti per il suo ritratto di vita quotidiana, arrivando fino agli accenti e alle parole. Ha ricevuto anche recensioni positive da disertori nord coreani. Tra le comparse del paesino, in cui si svolge la maggior parte della storia, ritroviamo una scrittrice e attrice dalla Corea del Nord che ha dichiarato di essersi sentita ” come se fosse veramente di nuovo in un villaggio nord coreano”. Yun Suk Jin, professore all’università nazionale di Chungnam, ha notato anche che la serie “ha cambiato gli stereotipi sulla Corea del Nord e ha mostrato candidamente che è anche un posto dove le persone vivono”. Tuttavia Il Partito Cristiano Liberale (CLP) ha inoltrato una protesta, contro la rete televisiva che lo trasmetteva, alla Polizia metropolitana di Seul, accusando il canale di romanticizzare la Corea del Nord e di violare così la legge di sicurezza nazionale.

Tra i protagonisti ritroviamo Hyun Bin (noto attore, ha recitato anche in Secret Garden e My Lovely Sam Soon), Son Ye Jin (nel 2018 ha recitato in Something in the Rain) e Kim Jong Hyun (che nel 2018 ha fatto parte del cast di Welcome to Waikiki). Il drama è tutt’ora disponibile su Netflix.

 

IT’S OKAY NOT TO BE OKAY

Altro master piece del 2020. Un drama che fa luce sul mondo della salute mentale, sulle dinamiche familiari e sulla ricerca di una felicità perseguibile da chiunque, nessuno escluso.

Moon Gang Tae (interpretato da Kim Soo Hyun), infermiere presso un istituto psichiatrico, ha un carattere calmo ed è benvoluto dalla collega Nam Ju Ri (innamorata di lui) e dal fratello maggiore di cui si occupa perché affetto da autismo. Il giovane viene in contatto con Ko Moon Young (interpretata da Seo Yeji), popolare autrice di libri per bambini, afflitta da un disturbo della personalità asociale, dovuto a degli abusi subiti da bambina da parte della madre. Inizialmente la ragazza si comporta con Gang Tae in maniera gelida e arrogante, tuttavia il loro incontro finisce per avere conseguenze positive per entrambi, portandoli a vedere la vita in maniera diversa e a sostenersi a vicenda.

Questa serie rappresenta il ritorno di Soo Hyun su schermo dopo aver completato il suo servizio di leva militare obbligatorio in corea del sud.

La scrittrice ha dichiarato di aver voluto usare i libri per bambini di Moon Young come metodo di sopravvivenza e finestra di comunicazione del personaggio per il suo disperato grido d’aiuto e perciò assieme al direttore del progetto Park Shin Woo e all’ illustratore Jam San hanno deciso di pubblicare una serie di libri per bambini formata da 5 volumi.

Trasmesso dal 20 giugno al 9 agosto 2020, il drama è recuperabile sulla piattaforma di Netflix.

 

THE KING: ETERNAL MONARCH

La serie segna il ritorno su piccolo schermo del principe dei drama Lee Min Ho (nei panni di Lee Gon) dopo aver completato il suo servizio di leva militare. Coprotagonista Kim Go Eun (la sposa nel famoso drama Goblin) che riveste il ruolo della detective Jung Tae Eul. Sceneggiatura di Kim Eun Sook, creatrice dei famosissimi Descendants of the Sun e Goblin.

In questo drama ritroviamo due mondi paralleli, ambientati in epoca contemporanea: la Repubblica di Corea e il Regno di Corea, nel quale vige ancora la dinastia reale. Ed è proprio da questo secondo ipotetico mondo che parte la storia. Lee Gon, terzo imperatore del regno, considerato dai suoi cittadini il leader perfetto, nasconde una profonda ferita: quando aveva otto anni, suo padre, l’imperatore, fu assassinato da suo zio sotto i suoi occhi e Lee Gon riuscì a sopravvivere solo grazie all’intervento di un uomo sconosciuto di cui l’unica traccia rimasta e un badge. Lo zio è riuscito a fuggire ed è scomparso nel nulla. Oggi, Lee Gon, durante una delle sue cavalcate, finisce per attraversare un portale ritrovandosi nella realtà alternativa della repubblica di Corea, dove incontra Jung Tae Eul, un’ispettrice ligia al dovere con cui si allea per sconfiggere i criminali e chiudere la porta tra i loro due mondi.

Una trama ambiziosa (forse troppo per sole 16 puntate) che, assieme alle premesse prima elencate, non ha fatto altro che alzare ancora di più le aspettative. È stato un drama molto atteso sin dall’annuncio e come spesso accade in queste situazioni, qualcuno ne è rimasto deluso. Tuttavia anche se non ha avuto un riscontro proprio positivo in patria, all’estero ha comunque avuto un certo successo seppur il fandom internazionale si e ritrovato spezzato a metà tra l’approvazione e la critica.

The King: Eternal Monarch è stato trasmesso dal 17 aprile al 12 Giugno 2020 ed è tutt’ora reperibile su Netflix.

 

FLOWER OF EVIL

Dall’esterno Baek Hee Sung (interpretato da Lee Joon Gi) sembra il marito ideale e insieme a sua moglie Cha Ji Won (interpretata da Moon Chae Won) e alla figlia conducono una vita tranquilla. Tuttavia questo padre amorevole cela dentro di sé un passato pieno di violenza e segreti di cui sua moglie non è al corrente.

Purtroppo i segreti trovano il modo di venire allo scoperto e da energica detective di omicidi quale è, Cha Ji Won lavora duramente nella sua incessante ricerca della verità. Finché non si trova ad affrontare un caso particolarmente crudele, che pare avviarla lungo un percorso oscuro in grado di far crollare la sua felice famiglia. Determinata ad assicurare alla giustizia questo malvagio psicopatico, si immerge sempre più in profondità in questo caso, solo per scoprire che il criminale che sta inseguendo potrebbe essere stato accanto a lei sin dall’inizio.

Flower of Evil è stato ampiamente apprezzato e pare essere uno dei thriller meglio costruiti negli ultimi anni. Lee Joon Gi (protagonista anche di Moon Lovers: Scarlet Heart Ryeo) e Moon Chae Won (che aveva recitato anche in Good Doctor) tornano riconfermando la loro bravura.

Il drama è stato trasmesso tra il 29 luglio e il 23 settembre 2020, se ve lo siete perso potete trovarlo su Viki.com.

 

AWAKEN

Sono passati quasi trent’anni da quando un piccolo villaggio è stato protagonista di una misteriosa serie di avvenimenti che lo hanno scosso profondamente. Mentre gli eventi non sono mai stati pienamente compresi, né il mistero dietro di essi è mai stato risolto, le storie che circondano il villaggio sono lentamente sbiadite. Tuttavia quando una nuova serie di misteriosi incidenti comincia a verificarsi, i ricordi dimenticati da tempo cominciano a riaffiorare. La serie segue le vicende di un gruppo di agenti delle forze dell’ordine alle prese con una serie di misteriosi incidenti. Do Jung Woo è il capo dell’unità speciale della polizia nazionale dall’apparenza trasandata. Gong Hye Won è una poliziotta di bell’aspetto ma dal carattere impulsivo che non si placa finché non dice quello che le passa per la testa. Jamie lavora per l’FBI e rientra in Corea per investigare su quanto accaduto 28 anni prima.

Come attori protagonisti ritroviamo: Min Namkoong nei panni di Do Jung Woo, Kim Seol Hyun delle AOA che interpreta la poliziotta Gong Hye Won e Lee Chung Ah nella parte di Jamie.

La messa in onda e iniziata il 30 novembre 2020 ed è possibile vederne gli episodi su Viki.com.

 

HOSPITAL: PLAYLIST

La serie racconta la storia di 5 chirurghi, amici fin dall’università, che lavorano a un ospedale privato all’avanguardia di Seoul. Mentre nel tempo libero si ritrovano come band amatoriale per suonare insieme.

La cura impiegata nel costruire le loro personalità, arricchite da pregi e difetti, e la comicità del programma hanno fatto sì che l’opera venisse ampiamente apprezzata fino ad arrivare ad essere definita la degna erede di E.R. medici in prima linea.

I cinque protagonisti sono interpretati da: Jo Jung Suk (apparso in Don’t Dare to Dream), Yoo Yeon Seok (che ha recitato in Reply 1994 e Mr. Sunshine), Jung Kyung Ho (di Missing Nine e Prison Playbook), Kim Dae Myung (parte di Misaeng incomplete life e Il suono del tuo cuore) e infine Jeon Mi Do (da Mother del 2018).

La serie è andata in onda dal 12 marzo al 28 maggio 2020 ed è reperibile su Netflix.

La seconda stagione è già in programma per il 2021.

 

MEMORIST

Basato sull’omonimo webtoon, il drama ci racconterà la storia di Dong Baek, un detective in grado di leggere nella mente delle persone con cui entra in contatto che però ha perso la memoria. Al suo fianco ci sarà la collega Han Sun Mi, una criminologa fredda, calma e anticonformista che anche se ancora agli inizi della sua carriera, ha già mostrato enormi potenzialità. Insieme, il duo deve rintracciare e fermare un brutale serial killer.

Nelle parti dei protagonisti ritroviamo gli attori Yoo Seung Ho e Lee Se Young, di nuovo insieme dopo 8 anni, poiché i due avevano già collaborato nel 2012 nel drama Missing You.

La serie è stata trasmessa dall’ 11 marzo al 30 aprile 2020 ed è disponibile su Viki.com.

 

THE GOOD DETECTIVE

Ambientato a Incheon, mostra le vicende di due detective molto diversi fra loro.

Kang Do Chang (interpretato da Son Hyun Joo) ha lavorato come investigatore negli ultimi 18 anni. È nato e cresciuto a Incheon. Indaga sui casi usando la sua esperienza e le connessioni personali, rinunciando alla tecnica scientifica o al ragionamento.

Oh Ji Hyeok (Jang Seung Jo) è un detective d’élite. Ha 9 anni di esperienza. A causa di un evento passato non condivide le sue emozioni con nessuno. A differenza del collega utilizza l’analisi scientifica e il profiling dei criminali per concludere le sue indagini. Grazie ad una eredità di uno zio morto è benestante, immune quindi all’influenza di potere e denaro.

Jin Seo-Kyung (Lee Elijah), giornalista appassionata, lavora al Jeonghan Daily, uno dei quattro principali quotidiani della provincia di Gyeonggi. È spesso fraintesa a causa della sua ardente personalità ma non si fa influenzare dalla pressione esterna e spinge fermamente i suoi ideali.

Il drama andato in onda dal 6 luglio al 25 agosto 2020 è ora disponibile su Netflix.

 

HYENA

La serie racconta di uno studio legale privato, ove gli avvocati sono molto competitivi e si occupano solo di clienti estremamente altolocati. Al centro della trama ci sono due avvocati rivali.

L’avvocatessa Jung Geum Ja, spavalda che viola i confini della legge e della giustizia. Armata dei più forti istinti di sopravvivenza, è una vera iena che insegue denaro e successo. Yoon Hee Jae, il suo avversario, possiede una mente brillante, volta al suo ego, ma gli manca la grinta di Geum Ja e in molte occasioni viene superato da lei.

Kim Hye Soo nei panni di Jung Geum Ja (nel 2016 era parte del cast di Signal) mentre Ju Ji Hoon (attore di Kingdom) interpreta Yoon Hee Jae.

Hyena trasmesso dal 21 febbraio all’11 aprile 2020 è disponibile su Netflix.

A cura di K-pop News Italia

*K-pop News Italia è un gruppo di cinque ragazze che, dal 2018, porta notizie sulla Corea del Sud in Italia per renderle accessibili a tutti, offrendo spunti di riflessione e condividendo tante curiosità. Si può seguire su Instagram qui