Salgono ad almeno 10 gli alpinisti deceduti mentre scalavano il versante nepalese dell’Himalaya nell’ultima settimana. Il Dipartimento del Turismo locale ha dichiarato che altri quattro alpinisti sono morti tra giovedì e venerdì. Venti sono invece le vittime per l’intera stagione primaverile, una delle più promettenti e letali degli ultimi anni. Secondo gli esperti, proprio il sovraffollamento sarebbe tra le cause principali della “strage”. Il prolungamento dei tempi di attesa per la discesa avrebbe portato allo stremo anche alpinisti esperti, costringendo altri ad effettuare il percorso quando ormai le condizioni meteorologiche erano fuori controllo. Stando a AFP, quest’anno il Nepal ha rilasciato il numero record di 381 permessi – ognuno del costo di 11.000 dollari – , che sommati agli accessi concessi dalle organizzazioni internazionali portano il totale dei visitatori a oltre 750 [font: Afp]

Tutti i furti di Huawei

La battaglia di Trump contro Huawei fino ad oggi si è retta su accuse di spionaggio mai confermate da prove concrete. Tuttavia, secondo un’inchiesta del Wall Street Journal, dal 2004 a oggi il colosso di Shenzhen è stato perseguito attraverso canali giudiziari in almeno dieci casi per sospetto furto di tecnologia e proprietà intellettuale. Decine di interviste con funzionari statunitensi, ex dipendenti, aziende partner e concorrenti suggeriscono un modus operandi consolidato eticamente discutibile. Tra i querelanti compaiono Cisco Technology Inc., Motorola e T-Mobile US Inc. Le accuse puntano molto in alto e coinvolgono un parente del fondatore di Huawei Ren Zhengfei, nonché il vice presidente dell’azienda Eric Xu [fonte: WSJ]

Dalla Cina un’automobile ad acqua

Dopo dieci anni di sperimentazioni, la Qingnian Cars di Nanyang ha annunciato di avere pronta la sua prima vettura “ad acqua”. Ebbene sì, secondo il CEO dell’azienda Pang Qingnian, l’automobile – per ora solo un prototipo – sarebbe in grado di trasformare l’acqua in idrogeno attraverso una “reazione chimica catalitica” che le dà un’autonomia di 500 chilometri. L’affermazione ha suscitato qualche perplessità. Costi e tecnologia impiegata sono ancora un mistero. Ma come mette in evidenza Caixin, la produzione di idrogeno richiede una fonte di energia come carbone o gas naturale, o l’impiego di metalli come sodio, potassio o alluminio, in grado di innescare una reazione chimica con l’acqua. Nonostante i dubbi degli esperti, nella città di Nanyang si festeggia già il successo [fonte: Scmp]

Campione di MMA condannato per aver diffamato maestro di kung fu

Il combattente di MMA (mixed martial arts), Xu Xiaodong è stato recentemente condannato da un tribunale cinese a pagare una multa di 400.000 yuan (quasi 58.000 dollari) e a scusarsi pubblicamente sui social media per sette giorni consecutivi per aver insultato il maestro di tai chi Chen Xiaowang. La pena comprende anche una riduzione del suo credito sociale e una limitazione sull’accesso a treni e aerei. Xu, meglio noto come “Mad Dog”, era stato denunciato per diffamazione dopo aver insinuato che il maestro Chen fosse un impostore. Il caso di Xu rispecchia l’importanza conservata tutt’oggi dal kung fu tradizionale in Cina, se non altro per motivi di orgoglio nazionale e soft power. L’MMA è uno sport da combattimento che comprende varie arti marziali e tecniche di lotta libera, considerato “spurio” oltre la Muraglia ma molto più efficace sul ring. La condanna infatti non ha impedito a Xu di raggiungere la provincia del Xinjiang per sfidare e mettere al tappeto un altro noto maestro di wing chun, lo stile di kung reso celebre da Bruce Lee [fonte: Scmp]

China Files propone alle aziende italiane presenti sul mercato cinese e a tutte quelle realtà interessate a conoscere il paese, servizi di comunicazione quali: newsletter, aggiornamenti su specifici settori e gestione dei contenuti web sui social network locali, oltre a progetti formativi e di approfondimento ad hoc. Contattaci a info@china-files.com