Per la prima volta nella storia, Hong Kong ha celebrato l’anniversario del ritorno alla mainland al chiuso. Colpa della pioggia ma soprattutto degli scontri in corso tra polizia manifestanti anti estradizione. La cerimonia si è svolta alle 8,00 ora locale all’interno del Convention and Exhibition Centre alla presenza della chief executive locale Carrie Lam. Nel suo discorso di apertura, Lam ha promesso di adottare un approccio “più aperto e accomodante” nei confronti dei giovani, in prima linea nelle proteste di questi giorni. Nonostante la controversa legge sia stata sospesa, i dimostranti non accennano a desistere fintanto che la proposta non venga ritirata formalmente e il governo non “assolva” i manifestanti arrestati ed esposti alle accuse di “sommossa”. Difficilmente gli eventi di questa mattina, piegheranno le autorità locali. Secondo la ricostruzione della polizia, 13 agenti sono finiti in ospedale dopo essere stati assaliti con lancio di mattoni e altri oggetti, mentre diverse persone sono state colpite con un liquido irritante che ne ha compromesso vista e respirazione. Le forze dell’ordine hanno risposto con l’uso di spray al peperoncino e manganelli. Il caos non sembra aver compromesso le attività in programma per il resto della giornata, che comprendono l’annuale marcia del Civil Human Rights Front [fonte: Strait Times]

Trade War: Pechino accoglie la tregua con diffidenza

La tregua raggiunta da Stati Uniti e Cina durante il G20 rappresenta solo un passo nel corso di un lungo percorso. A sostenerlo sono i media cinesi all’indomani dell’incontro tra Trump e Xi Jinping, che ha sospeso l’introduzione di nuove tariffe americane e riavviato i negoziati. “L’accordo sul 90% dei problemi si è dimostrato insufficiente. Considerato che nel restante 10% risiedono le differenze fondamentali, non sarà facile raggiungere un consenso del 100%” scrive il China Daily. Prevale la diffidenza anche sul versante Huawei, completamente ignorata nel comunicato rilasciato a seguito dell’incontro dal ministero degli Estri cinese. Trump ha annunciato di voler cominciare a discutere una sospensione delle sanzioni introdotte lo scorso mese già da martedì, citando il malcontento maturato dall’industria hi-tech americana che con l’azienda di Shenzhen fa affari. Secondo Larry Kudlow, il Segretario al Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti Wilbur Ross “concederà alcune licenze temporanee”, in particolare per quanto riguarda la vendita di prodotti ampiamente disponibili da altri paesi e che non sollevano problemi di sicurezza nazionale. Ma la Cina sa bene che l’intesa raggiunta con Trump non basterà ad appianare le divergenze in materia di sicurezza, politica estera e industriale. Accordo commerciale o meno, le due superpotenze sono ormai in rotta di collisione [fonte: Reuters]

Un’amnistia per festeggiare i 70 anni della Repubblica popolare
La Cina ha annunciato una nuova amnistia in previsione dei 70 anni della Repubblica popolare. Per la seconda volta da quando Xi Jinping è presidente, Pechino grazierà un numero imprecisato di condannati compresi in nove categorie, tra cui gli over 75 e chi ha combattuto nella guerra contro i giapponesi. Non ci sarà clemenza per chiunque abbia commesso un reato grave o violento, tra cui l’omicidio, lo stupro, il rapimento e… la corruzione. Da quando il presidente ha avviato la caccia alle “mosche” e alle “tigri” del partito, oltre 1,3 milioni di funzionari sono stati arrestati per corruzione, un’accusa con cui sono stati colpiti anche diversi nemici politici. Dal ’49 a oggi, il regime comunista ha concesso in tutto nove amnistie. Le precedenti sette sono state approvate tutte sotto la leadership di Mao [fonte: Scmp]

Trump varca il confine con la Corea del Nord

Con un gesto storico, nella giornata di domenica, incontrando per la terza volta Kim Jong-un, Donald Trump ha varcato la linea che separa le due Coree diventando il primo presidente americano a entrare in territorio nordcoreano mentre ancora in carica. Uno sconfinamento storico grazie al quale il dialogo tra le due parti – interrotto dopo Hanoi – ci si attende riprenderà nel giro ad alcune settimane. Ma rimane ancora da capire se l’alchimia maturata tra i due leader riuscirà, per osmosi, a contagiare anche i rispettivi negoziatori. Secondo alcune fonti, il potere negoziale del team nordcoreano non è sufficiente al raggiungimento di un accordo. Tanto più che Pyongyang non ha ancora messo in chiaro la propria interpretazione del termine “denuclearizzazione”, mentre Washington non sembra disposto ad allentare le sanzioni fintanto che non vengano compiuti progressi concreti in tal senso. Una svolta potrebbe, però, giungere proprio dagli Stati Uniti. Trump starebbe infatti valutando una formula che di fatto concederebbe alla Corea del Nord lo status di potenza nucleare in cambio di un congelamento permanente del programma atomico. Bisognerà attendere ancora qualche giorno per capire se la pirotecnica incursione di Trump nella zona demilitarizzata si concretizzerà in qualcosa di più di qualche foto [fonte: NYT]

Tokyo riprende la caccia alle balene
Il Giappone ha ripreso quest’oggi la caccia commerciale alle balene per la prima volta in oltre 30 anni, un giorno dopo aver lasciato l’International Whaling Commission. Cinque baleniere sono salpate dai porti di Shimonoseki e Kushiro, nell’ovest del paese e nel nord del paese. L’area in cui è concessa la caccia comprende le acque territoriali e la zona economica esclusiva giapponese, che si estende per 200 miglia nautiche dalla costa. Secondo quanto annunciato dal  Ministero dell’agricoltura, delle foreste e della pesca, per quest’anno è permessa la cattura di 227 esemplari di balene minke e balenottere di Eden, considerate non in via di estinzione. Con la ripresa delle attività commerciali verranno invece sospese le operazioni per scopi “scientifici”, che per anni hanno permesso al Giappone di continuare di fatto la caccia. Accese le opposizioni della comunità internazionale e Greenpeace. Ma per i promotori dell’iniziativa, la vecchia tradizione gioverà all’economia locale soprattutto delle aree colpite dal disastro di Fukushima in cui il turismo è calato [fonte: BBC]
China Files propone alle aziende italiane presenti sul mercato cinese e a tutte quelle realtà interessate a conoscere il paese, servizi di comunicazione quali: newsletter, aggiornamenti su specifici settori e gestione dei contenuti web sui social network locali, oltre a progetti formativi e di approfondimento ad hoc. Contattaci a info@china-files.com