Mercoledì scorso il presidente Joe Biden ha appoggiato gli Stati Uniti nei negoziati presso l’Organizzazione Mondiale del Commercio affinché venga approvata la rinuncia ai diritti di proprietà intellettuale per i vaccini, consentendo così ai paesi in via di sviluppo di produrne di propri. Le aziende farmaceutiche occidentali, molte delle quali hanno ricevuto il sostegno del proprio governo per lo sviluppo di vaccini, si oppongono fermamente al trasferimento della proprietà intellettuale, affermando che i paesi in via di sviluppo saranno lenti a creare capacità di produzione, compromettendo i progressi compiuti finora nell’aumento delle forniture di vaccini poiché  entità con poca o nessuna esperienza nella produzione di vaccini potrebbero accaparrarsi le stesse materie prime di cui le aziende più all’avanguardia hanno bisogno. Oltre alle preoccupazioni per le materie prime, gli USA temono di perdere il vantaggio competitivo che hanno accumulato nei confronti di Russia e Cina non solo relativamente ai vaccini mRNA, ma in generale nella ricerca biofarmaceutica. I portavoce della Casa Bianca e l’ufficio del rappresentante per il commercio degli Stati Uniti non hanno avuto commenti immediati sulla questione, così come nemmeno i portavoce di Pfizer e Moderna. La Cina ha grandi ambizioni per la sua industria farmaceutica e sta già sviluppando un proprio vaccino a mRNA[fonte Reuters]

Cina: gli scritti di Mao ritornano tra i best seller

Una raccolta di articoli del presidente Mao Zedong è diventata uno dei migliori bestseller in Cina sulla piattaforma online JD.com, passando dal 17º al 6° posto nella classifica dei libri più venduti della scorsa settimana. L’improvviso aumento di interesse per gli scritti di Mao si è verificato dopo che un dirigente di Tencent ha criticato i giovani per “dormire troppo”. Il post è stato pubblicato da Zhang Jun, responsabile delle pubbliche relazioni di Tencent Holdings, che in un post su Weibo in occasione della giornata della gioventù in Cina – istituita per commemorare il movimento del quattro maggio 1919 – ha dichiarato che i giovani oggi dormono troppo. L’opinione di Zhang ha toccato un nervo scoperto tra i giovani cinesi, che lottano con lunghi orari di lavoro e il ritmo incessante della vita nell’economia digitale cinese. Molti dipendenti, in particolare quelli del settore Internet, lavorano con il cosiddetto orario “996”, ovvero dalle 9:00 alle 21:00, sei giorni alla settimana: ben 90.000 utenti hanno criticato il post, sottolineando come il 4 maggio sia un giorno di festa e, per questa ragione, dedicato al riposo. Pertanto, molti cittadini della rete si stanno consolando con le parole di Mao, che nei suoi scritti afferma: “I giovani di età compresa tra i 18 ei 25 anni hanno bisogno di studiare e lavorare, ma il carico di lavoro e studio per loro non dovrebbe essere troppo pesante … I giovani devono dormire bene”. Questa pagina è stata ampiamente condivisa online ed è tratta dal quinto libro degli scritti di Mao, uscito nel 1977. [fonte SCMP]

La Cina continua la sua corsa nel mercato satellitare

In una cerimonia presieduta niente meno che dal vicepremier cinese Han Zheng, è stata inaugurata a fine aprile a Xiongan la China Satellite Network Group, giovane azienda statale cinese che ha il compito di lanciare nello spazio satelliti LEO (Low Earth Orbit), trasmettendo servizi Internet in qualsiasi parte del pianeta. La China Satellite Network riporta direttamente alla Commissione per la supervisione e l’amministrazione degli asset, che controlla le partecipazioni del governo cinese nelle società statali. L’azienda non ha un sito web ufficiale al momento e il governo non ha ancora rilasciato alcuna informazione sulla struttura societaria, tranne che Zhang Dongchen, ex direttore generale della China Electronics Corporation di proprietà statale, è stato nominato per sovrintendere alla sua costituzione. Nonostante la sua giovane età, il China Satellite Network Group è al 26 ° posto nell’elenco ufficiale di Pechino delle 98 aziende statali, subito dopo i tre grandi operatori di telecomunicazioni del paese: China Mobile, China Unicom e China Telecom. L’azienda è anche la prima impresa cinese a livello statale ad aver istituito la sua sede principale a Xiongan, situata in una regione rurale selezionata però dal presidente Xi Jinping quattro anni fa per essere ricostruita in una futuristica città intelligente. La creazione del China Satellite Network Group rappresenta l’ultimo sforzo di Pechino in direzione del suo ambizioso obiettivo di fornire una connessione Internet satellitare mondiale, una tecnologia attualmente dominata da attori statunitensi tra cui Starlink, parte di SpaceX di Elon Musk. Prima della nascita del China Satellite Network Group, le due principali società aerospaziali statali del paese – China Aerospace Science and Technology Corporation (CASC) e China Aerospace Science and Industry Corporation (CASIC) – avevano già i propri programmi Internet via satellite: CASIC, nell’ambito dei suoi programmi Hongyun e Xingyun, prevede di lanciare rispettivamente 156 e 80 satelliti per ottenere una copertura globale, mentre la CASC ha dichiarato di voler installare più di 300 satelliti. Sebbene il China Satellite Network Group debba ancora lanciare dei satelliti, la Cina ha presentato già presentato domanda all’Unione internazionale delle telecomunicazioni (ITU) delle Nazioni Unite lo scorso settembre, segnalando l’intenzione del paese di costruire due costellazioni LEO per un totale di 12.992 satelliti. Queste cifre sono ancora una frazione dei 42.000 satelliti pianificati che Starlink ha registrato presso l’ITU e gli analisti affermano che questi documenti sono solo un requisito preliminare che non sempre si traduce in lanci effettivi. [fonte SCMP]

UE ed India pronte a lavorare su un accordo di libero scambio

I leader di India ed UE si sono incontrati in videoconferenza l’8 maggio scorso. L’UE è stata rappresentata dai capi di Stato o di governo dei 27 Stati membri dell’UE, da Charles Michel, presidente del Consiglio europeo, e Ursula von der Leyen, presidente della Commissione europea, riuniti a Porto. L’India è stata rappresentata dal primo ministro Narendra Modi, che si è unito ai leader dell’UE in videoconferenza. Il summit mira ad avviare un nuovo ciclo di negoziati su un accordo di libero scambio per rafforzare le relazioni e la cooperazione in settori chiave tra cui la digitalizzazione, la salute e il cambiamento climatico. A fare da sfondo al rinnovato interesse europeo per la cooperazione con l’India vi sono inoltre le tensioni con la Cina, le cui sanzioni contro i funzionari europei hanno messo in discussione il recente patto di investimenti del blocco con Pechino. Secondo la Commissione europea, l’UE ha rappresentato per l’India ben 96 miliardi di euro in scambi di beni e servizi nel 2020, l’11% del totale, appena dietro Cina e Stati Uniti. I colloqui con l’Europa arrivano in un momento difficile per l’India, che è attualmente travolta da un’ondata devastante di infezioni da Covid-19. Durante l’incontro, I leader dell’UE hanno espresso la loro piena solidarietà all’India, mobilitando prima della riunione oltre 100 milioni di euro di attrezzature di emergenza – ossigeno, ventilatori e farmaci – per la risposta alla pandemia. I leader hanno accolto con favore il contributo dell’UE e dei suoi Stati membri alla produzione di vaccini e il loro sostanziale sostegno per lo strumento COVAX, accogliendo inoltre gli sforzi dell’India per produrre e distribuire i vaccini COVID-19 in oltre 90 paesi. Tuttavia, i tempi della discussione sono alquanto bizzarri per l’UE, che ha espresso scetticismo riguardo proposta degli Stati Uniti di sospendere i diritti di proprietà intellettuale per i vaccini contro il coronavirus, una proposta originariamente sostenuta da paesi tra cui l’India. I leader hanno sottolineato la necessità di affrontare con urgenza le sfide interdipendenti del cambiamento climatico, della perdita di biodiversità e dell’inquinamento. A questo proposito, le due parti hanno infine sottolineato l’importanza di raggiungere gli obiettivi dell’accordo di Parigi, con l’obiettivo di approfondire la cooperazione per accelerare la diffusione delle energie rinnovabili, promuovere l’efficienza energetica, collaborare su reti intelligenti e tecnologie di stoccaggio e modernizzare il mercato dell’elettricità. L’accordo con l’Europa arriva pochi giorni dopo che l’India e il Regno Unito hanno promesso un “salto di qualità” nella loro relazione e hanno affermato di voler raddoppiare il loro commercio entro il 2030. Sebbene l’annuncio sia parte degli sforzi della Gran Bretagna per rafforzare le alleanze diplomatiche ed economiche dopo la partenza UE, i colloqui con Nuova Delhi su un accordo formale di libero scambio non dovrebbero iniziare fino all’autunno. [fonte Bloomberg; EUCouncil]

China Files propone alle aziende italiane interessate alla Cina servizi di comunicazione quali: newsletter, aggiornamenti su specifici settori, oltre a progetti formativi e approfondimenti ad hoc. Contattaci a info@china-files.com