Se vogliamo che tutto rimanga com'è...

Le immagine didattiche di propaganda che hanno caratterizzato i primi anni della Rivoluzione comunista in Cina criticavano il sistema imperiale che li aveva preceduti: privilegi, corruzione, assenza di leggi certe e disparità sociali. Oggi potrebbero essere usate contro il Pcc.




Alla morte di Mao Zedong, Deng Xiaoping orientò la politica cinese verso un socialismo con "caratteristiche cinesi". Immaginava un paese che prendeva il meglio dell'economia di mercato, senza abbandonare il benessere sociale raggiunto attraverso il comunismo. Il punto è che la Cina attuale si trova a scontrarsi con i mali della Cina "antica", quella imperiale.

E' così che alcuni internauti hanno cominciato a diffondere le immagini della prima propaganda di partito. Nessuna critica poteva essere più attuale. I post sono stati via via eliminati dai censori, ma il sito China Smak ne ha salvato una versione.

Ogni immagine affronta i problemi che si trovano oggi ad affrontare governo e popolazione cinese. Sono gli stessi problemi più volte trattati su China Files.

Inflazione

     


     

I prezzi dei beni di consumo, prima e dopo la Rivoluzione.

Una delle maggiori preoccupazioni della Cina moderna è l'alto costo dei beni di consumo. Si lamenta la grande disparità tra le entrate e le uscite delle famiglie medie, così come della mancanza di un controllo sui prezzi del paniere da parte delle autorità.

Sull'argomento potete leggere:
Il discorso di Wen
Hu Shuli intervista Zhou Xiaochuan
Pechino taglia i tassi. Panico o strategia?
Cala l'inflazione, crescono i dubbi

Il valore dello yuan rispetto al dollaro

     

Dollaro e RMB, prima e dopo la Rivoluzione

Il tasso di cambio del dollaro è il tema che regola i rapporti conflittuali tra Cina e Stati Uniti. L'America accusa la Cina di alterare il valore della moneta per favorire le esportazioni, ma la Cina mantiene una posizione inflessibile.

Sull'argomento potete leggere:
Il dollaro? Vecchiume
"La Cina non accetterà alcuna lezione dagli Stati Uniti"
Economia cinese. Lavori in corso
Convertibilità dello yuan. Prove generali

Cala il manifatturiero, chiudono le fabbriche


     

Prima e dopo la Rivoluzione: come vanno gli affari

Industrie e fabbriche, specialmente quelle a capitale privato, chiudono i battenti a causa della crisi americana e europea. Calano le esportazioni e gli imprenditori - che non hanno accesso al credito - scappano all'estero lasciando migliaia di lavoratori senza salario.

Sull'argomento potete leggere:  

I debiti che mettono in pericolo la stabilità della Cina
Wenzhou. Un'analisi della crisi
Modello Wenzhou?
Il web chiede clemenza

Scioperi, disoccupazione e riduzione della manodopera


     

Prima: sfruttamento dei padroni. Dopo: Salari dignitosi e fatiche collettive

     

Prima: I lavoratori erano come prigionieri. Dopo: Lavoratori felici

In piena fase di sviluppo, la Cina ha visto aumentare il numero dei lavori a media-alta specializzazione e diminuire la manodopera a basso costo. Gli effetti sono un salario che non si misura in ore-lavoro e un aumento della disoccupazione. Specialmente dei lavoratori qualificati. Negli ultimi tempi le proteste dei lavoratori si sono fatte sempre più frequenti: chiedono aumenti salariali, protezione, sicurezza sociale e - in generale - migliori condizioni.

Molte industrie hanno cominciato a trasferire gli impianti di produzione in Indonesia o Vietnam, paesi dove è ancora possibile trovare manodopera a basso, bassissimo costo.

D'altro canto un numero sempre maggiore di professionisti si trovano senza un impiego e finiscono per popolare le periferie delle città perché non possono permettersi una casa più centrale. Viene così a formarsi la cosiddetta tribù delle formiche.
Sull'argomento potete leggere:   

Una decade di cambiamenti
Alla ricerca della stabilità perduta
Generazione Foxconn
La tribù delle formiche
Anche le formiche nel loro piccolo...
  La bolla immobiliare

     

Prima: case troppo care. Dopo: Tutti hanno un tetto.

I prezzi degli immobili in Cina hanno avuto un'impennata, soprattutto a causa della speculazione edilizia. Gli effetti sono stati una serie di regole che limitano l'acquisto di case per chi non possiede un hukou (permesso di residenza) e l'aumento indiscriminato degli affitti. Anche i costruttori si sono trovati a non finire gli immobili, perché nel frattempo si sono deprezzati.

Sull'argomento potete leggere:    
Problema casa. La bolla immobiliare in Cina
La bolla immobiliare si sgonfia
E se il prossimo crack fosse in Cina?
Attico centralissimo, mille Panbi al mq. La rete ricorda la bolla immobiliare

Corruzione

     

Prima: funzionari corrotti. Dopo: funzionari disinteressati

Combattere la corruzione e l'abuso di potere erano tra i maggiori obiettivi del Partito comunista delle origini. Oggi la corruzione continua a essere una delle più grandi preoccupazioni del Governo, specie nelle provincie e nelle regioni più lontane dal centro burocratico del paese. Una serie di scandali, travolge ciclicamente i centri di potere.
Sull'argomento potete leggere:  
Il potere della corruzione
Cina.net - Post dalla Cina
L'esercito trasparente
Servire il popolo
La mafia penetra la società e i crimini sono in aumento

     

Prima: i boss controllano la società. Dopo: i boss sono parte del processo produttivo della società

Innegabile, la mafia assieme alla corruzione dilaga nella società cinese moderna. Lo stesso Bo Xilai all'apice della sua carriera politica vantava di aver duemila arresti per organizzazione mafiosa nella sola città di Chongqing.

Sull'argomento potete leggere: 
Lo strano caso di Wang Lijun: ipotesi e retoscena
Chongqing. La Gotham City d'oriente
Avete visto mio figlio?

Abusi di potee da parte di polizia e esercito

     

Prima: mancanza di ordine pubblico e polizia indisciplinata. Dopo: ordine sociale ristabilito e polizia disciplinata

Polizia e esercito continuano a mantenere un forte controllo sulla popolazione. Si vede durante le manifestazioni di dissenzo e nelle regioni di confine.

Sull'argomento potete leggere:  
Più trasparenza nella Cina che cambia
Zhou Yongkang. Il Darth Vader cinese
Gli scontri di Canton e la maturità di un paese
Attivista in fuga
Abusi nel sistema penale

     

Prima: brutalità e repressione. Dopo: disciplina e rieducazione

Rieducazione, lavori forzati, tortura. E come se non bastasse una legge che non è uguale per tutti e con sistemi come quello dei petizionisti di eredità imperiale.

Sull'argomento potete leggere:   
Clausola Kgb. O della riforma del Codice penale
Segreto di Stato
I diritti dei petizionisti
Chen Guangcheng. Un cieco assetato di luce.
La dignità dei giornalisti
  Controllo sugli stranieri

     

Prima: gli imperalisti americani fanno quello che vogliono. Dopo: Gli stranieri devono obbedire alla legge

Siamo in piena campagna dei cento giorni: le autorità controllano i visti degli stranieri per assicurarsi che siano in regole. E non fanno niente per argine una crescente insofferenza della società civile verso chi viene da fuori.

Sull'argomento potete leggere:    
Compagni, liberiamoci dalla spazzatura straniera!
Tolleranza zero con gli stranieri
Al Jazeera è fuori dalla Cina
I privilegi dei milionari

     

Prima: discriminazioni sociali e di censo. Dopo: tutti uguali

Privilegi dei politici e delle classi più abbienti sono di nuovo cosa comune in Cina. E spesso le famiglie delle più alte cariche dello stato fanno affari milionari. In esclusiva. Auto di lusso, abiti di marca e ostentazione della ricchezza scatenano sempre più una rabbia popolare di antica memoria.

Sull'argomento potete leggere:    
Non sono affari vostri!
Proteste anti casta
Le ville sfitte della casta cinese
Condanne a morte e costi dei politici cinesi
Folla attacca l'ex sindaco di Pechino

Commenti