Xi Jinping. La sua storia americana

Soft power, Hollywood e riforme culturali. Ma ricordiamo Deng con il cappello da cowboy e Nixon con le bacchette. Il carisma di un leader sarà sempre legato a un gesto o a una frase; tanto più se tocca quelle corde che fanno vibrare sentimenti, amicizie, ricordi. Il ritratto del probabile futuro leader della Cina: Xi Jinping


Di fronte al grigiore internazionale di Hu Jintao, Xi Jinping, il futuro leader della Cina, non aveva ancora contrapposto nulla. Ma una prima mossa è arrivata, pienamente in linea con l'esigenza di mutare l'immagine della Cina all'estero: Xi Jinping si recherà negli Usa a febbraio.

Andrà a Washington, per un San Valentino di contrattazione con Obama. E poi andrà in Iowa. Terra agricola dove era già stato nel 1985 e dove è voluto tornare – creando una prevedibile ansia organizzativa nei solerti funzionari cinesi in America - da futuro capo della seconda economia del mondo: torna lì per questioni di cuore e amicizia. Ovvero, per cominciare a scolpire nell'immaginario occidentale il suo ritratto.

Di leader moderno, capace di stare seduto ad un tavolo con Obama (o con Biden in Sichuan, come nella sua scorsa visita in Cina), ma anche tra gli allevatori dello Iowa o tra i businessmen un po' freak della California.

Slanciato, spesso impegnato a sorridere per nascondere forse una personalità fin troppo determinata, Xi Jinping sembra conscio del suo ruolo: un “principino” che ha faticato come uno qualunque e ben deciso a fare sentire la propria presenza, anche all'estero.

Quando entra nella stanza, si avverte subito la sua presenza”. Quella vecchia volpe di Kissinger, grande conoscitore della Cina e i suoi leader, sa bene come elevare di rango e sbattere a terra le persone con una semplice frase.

Si riferiva a Xi Jinpging, prossimo capo della Cina, sottolineandone il peso di provenienza dinastica, seppure socialista, sminuendo il ruolo del “piccolo” (e “bottegaio”) Hu Jintao, considerato timido e impacciato, rispetto ad un vigoroso e spesso sorridente Xi Jinping.

Del resto, l'attuale leader cinese è figlio di un commerciante di thè. Chi gli succederà a fine ottobre invece è figlio di uno dei padri della rivoluzione cinese.

Non confonda però, portando in rapide e facili valutazioni, il sangue rosso di Xi Jinping: il “principino” si è guadagnato tutto a suon di lavoro, qualche colpo di fortuna e un'influenza paterna che ha spesso rischiato di fargli perdere le tracce del potere, salvo librarlo verso l'alto nei momenti del bisogno.

Il padre di Xi Jinping è  Xi Zhongxun: ha contribuito alla vittoria comunista in Cina, salvo essere epurato nel 1962. Aveva autorizzato la pubblicazione di un libro che non era piaciuto a lui. A Mao.

Il figlio, il giovane Xi, fu costretto a denunciarlo tre volte durante la rivoluzione culturale. Poi Xi padre venne riabilitato. Appena in tempo per consentire al figlio: una rieducazione presso le campagne senza troppi patemi, l'agognata iscrizione al Partito Comunista (rifiutata nove volte, prima) e l'iscrizione alla prestigiosa Tsinghua University di Pechino (rifiutato tre volte, in precedenza).

Poi, poco prima dell'ennesimo trambusto dovuto all'adesione del padre di Xi all'ala più riformista con condanna del massacro di Tien'anmen, riesce a piazzare il figlio come assistente presso un suo vecchio “compagno”,  Geng Biao, impegnato nel ministero della Difesa.

Quando Xi Zhongxun torna nelle retrovie del Partito il figlio ormai ha un futuro assicurato. Ha quei contatti che Jiang Zemin prima e Hu Jintao poi non hanno, né riescono a creare durante il loro regno: l'Esercito, mica poco in Cina.

Scala le posizioni e nel 1985 si reca negli Stati Uniti. Si occupa di agricoltura e animali. Con le persone che incontra in Iowa, parla di maiali e patate dolci. Ma si ricorda: in qualche modo, crea un legame.

Un piccolo segno di avvicinamento agli Usa, che oggi fa andare in brodo di giuggiole i commentatori a Washington, che definiscono Xi Jinping come il più “western” tra i leader cinesi.

Uomo dai ricordi fervidi, per cui i legami contano. Che ricorda la stanzetta della famiglia che lo ospitò in quegli anni di scalata e dubbi sul suo futuro politico.

Ed ecco che quando Biden lo invita – come prossimo leader cinese - a un San Valentino di fuoco con Obama, Xi Jinping, intuisce la chance: non sarà forse Deng Xiaoping ritratto con il capello da cowboy ad un rodeo, ma percepisce un primo segnale da cogliere.

Xi Jinping sa bene quanto sia importante l'immaginario (la moglie è cantante pop famosa, e proviene, guarda il caso, dall'Esercito) e un tocco di umanità che spesso noi occidentali non riusciamo a scorgere negli occhi orientali.

Xi Jinping pare sia una persona alla mano, ma risoluta: chiama l'ambasciatore a Washington e ordina: voglio incontrare i miei amici, quelli del 1985, gli americani di Muscatine, Iowa.

E mentre in Cina si studierà minuziosamente il suo approccio con Obama, chiedendosi se andrà incontro ad una distensione per concentrarsi su questioni interne o invece i suoi “amici interni” (leggi falchi dell'esercito) gli imporranno un ruolo da “duro e puro”, lo Iowa vedrà dopo Kruscev un altro leader comunista giungere nelle sue lande. Addirittura per la seconda volta.

Gli raccontai come si coltivavano le patate dolci”, ha raccontato un vecchio agricoltore al Wall street Journal. E' una storia americana. E - ormai  - anche cinese.

Commenti